Sei in

Notizie da Vicovaro

Il Tempo: Caro pedaggi in autostrada Il Comune accusa la Regione

Altri 40 centri pronti ad aderire all’iniziativa legale

SUBIACO Un mese e mezzo dopo l'annuncio, la Regione ancora non presenta il ricorso al Tar contro il caro-pedaggi sull'A24. E i Comuni, in polemica, hanno deciso di andare avanti da soli, grazie al ricorso presentato da un avvocato che «ha offerto la sua prestazione a titolo gratuito».

Dopo l'ultimo rincaro, che ha portato gli aumenti complessivi dei pedaggi fino al 173% negli ultimi 12 anni sulla Roma-L'Aquila, l'assessore regionale agli Enti locali, Concettina Ciminiello, il 29 gennaio scorso aveva annunciato alla Pisana che «la giunta ha dato mandato all'avvocatura di verificare se esistono le condizioni per un ricorso al Tar contro gli aumenti». Ma, «ai proclami non seguono fatti e, per evitare la decadenza dei termini per l'impugnazione, il Comune di Subiaco ha dovuto infine farsi carico da solo di una simile iniziativa», polemizza il consigliere con delega al contenzioso, Claudia Di Pasquali. E anche gli altri 40 Comuni del quadrante est sono pronti ad aderire, facendo appello «alla Regione Lazio, alla Regione Abruzzo, al Comune di Roma, ai Comuni e Comunità montane della Valle dell'Aniene affinché adottino atti amministrativi a difesa dei pendolari e intraprendano, d'intesa con il Comune di Subiaco, un'azione legale per contrastare questi aumenti», hanno già scritto i sindaci di Castel Madama, Marano Equo, Sambuci, Vicovaro e Casape.

Continua a leggere su Il Tempo

Non sei abilitato ad inserire commenti