Sei in

Notizie da Vicovaro

Tariffe autostradali: sconto del 20% per i pendolari su tutta la rete autostradale italiana

Il nostro amico Angelo N. ci ha segnalato questo articolo:

Aiscat, l’associazione delle concessionarie autostradali ha accolto la proposta del ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Maurizio Lupi. A partire da febbraio e sino al 31 dicembre 2015 i pendolari godranno di una agevolazione tariffaria/abbonamento del 20%.

Godrà di questo sconto chi, in un mese, farà per venti volte il percorso di andata e ritorno (40 tratte) su un tragitto definito da casello a casello per una tratta massima di 50 chilometri (50 andata e 50 ritorno).
Lo sconto scenderà progressivamente dal 20 al 10 per cento al diminuire dei viaggi sino alla soglia minima di dieci viaggi di andata e ritorno (20 tratte) sotto la quale è difficile essere definiti pendolari.

“E’ un aiuto concreto – ha dichiarato il ministro Lupi – a una delle due categorie sulle quali si fa sentire in modo più sensibile l’impatto degli aumenti delle tariffe. L’altra categoria è quella degli autotrasportatori con i quali è già aperto il tavolo per concordare le forme di compensazione degli aumenti. Con questi sconti si va oltre l’aumento medio del 3,9% (circa un punto percentuale in meno rispetto al precedente anno, con punte che, in alcuni casi, hanno superato la percentuale dell’8% come sulla Strada dei Parchi), proprio perché si ritiene che in questo momento chi ha bisogno vada particolarmente aiutato”.
Gli aumenti, attentamente verificati a fronte dei reali investimenti effettuati, corrispondono a precisi obblighi contrattuali “E i patti uno Stato come l’Italia li rispetta, assicurando all’intero settore la certezza e la stabilità del quadro regolatorio. Ma non vogliamo ritrovarci al primo gennaio 2015 nella situazione di quest’anno. Per questo nei quattro mesi da qui a giugno – ha aggiunto il ministro - partiranno i lavori di un Tavolo tecnico a cui parteciperà oltre al MIT, al MEF e all’AISCAT, anche l’Autorità di regolazione dei trasporti, per trovare soluzioni stabili per l’intero comparto autostradale, garantendo la concreta realizzazione degli investimenti ma anche il contenimento delle tariffe”.
Le soluzioni allo studio sono le seguenti:

-Rivisitazione del programma, anche sotto l’aspetto temporale, degli investimenti, in accordo con gli Enti territoriali;

-Prolungamento del periodo concessorio nel rispetto del diritto comunitario;

-Imputazione del costo delle opere non ammortizzate a carico del concessionario subentrante;

-Spalmatura dell’aumento tariffario su più periodi regolatori;

-Accorpamenti o fusioni di tratte autostradali contigue, allo scopo di ridurre l’estrema frammentazione del settore, con conseguenti benefici di natura economico-finanziaria.

Roma, 24 gennaio 2014

Fonte: http://www.mit.gov.it/mit/site.php?p=cm&o=vd&id=3020

Non sei abilitato ad inserire commenti